Età pensionabile per le donne a 64 anni

Perché è così importante?

Dal 2014 i contributi dei dipendenti e dello Stato non sono più sufficienti a finanziare le rendite AVS. Nel 2018 la differenza tra entrate e uscite ha superato il miliardo di franchi. Questa situazione peggiorerà ulteriormente a partire dal 2020 a causa del pensionamento dei baby boomer.
Ulteriori informazioni


Aumentare l'età pensionabile a 65 anni per le donne fino al 2030 ridurrebbe la spesa. Parallelamente, l'IVA dovrebbe essere aumentata per generare entrate supplementari per l'AVS.


Il problema è che le donne, a causa delle attuali disuguaglianze salariali e delle interruzioni nel loro lavoro retribuito, hanno già oggi una pensione AVS ridotta, nonostante svolgano la maggior parte del lavoro di assistenza. Attualmente le donne svolgono infatti circa 2,3 miliardi di franchi di lavoro non retribuito sotto forma di assistenza, soprattutto nel settore dell'assistenza all'infanzia. Con questa nuova proposta, alle donne si richiede un ulteriore anno di lavoro retribuito, sempre assumendo l’esistenza di un posto di lavoro.

Cosa è stato fatto finora ?

Dopo la bocciatura da parte dei cittadini della « Previdenza per la vecchiaia 2020 » nel 2017 e l'accettazione della riforma fiscale e del finanziamento dell'AVS (RFFA) nel maggio 2019 , il Consiglio federale ha elaborato un progetto preliminare per la stabilizzazione dell'AVS (AVS 21) .

Lo scopo di questo progetto preliminare è di introdurre un'età di riferimento di 65 anni per il pensionamento sia per le donne che per gli uomini. L'attuale proposta prevede un aumento graduale dell'età di riferimento per il pensionamento delle donne di tre mesi all'anno a partire dall'anno successivo a quello di entrata in vigore della riforma. Le donne direttamente interessate da questo aumento sono quelle nate tra il 1959 e il 1967. Sono proposte due possibili misure di compensazione, che andrebbero a beneficio di queste donne. La prima prevede l’applicazione di aliquote di riduzione più basse in caso di riscossione anticipata della rendita (pensionamento anticipato). La seconda prevede l’aumento della rendita AVS per le donne con redditi medio-bassi che riscuoteranno la rendita a partire dai 65 anni. Il Consiglio federale prevede di stanziare 700 milioni di franchi per queste misure di compensazione. 

Quali sono le posizioni dei partiti?

I Verdi e il PS sono favorevoli al mantenimento dell'età pensionabile a 64 anni per le donne. Sono contrari all'innalzamento dell'età pensionabile finché non si raggiunge la parità retributiva di genere. Ciò include anche il riconoscimento del lavoro di assistenza che non è ancora retribuito.

I PDC, PVL, PBD, PLR e UDC sostengono tutti l'aumento dell'età pensionabile. L'UDC chiede attivamente un aumento dell'età pensionabile e, allo stesso tempo, respinge qualsiasi aumento di tasse o imposte come proposto dal pacchetto AVS 21. Il PPD ritiene che l'aumento graduale dell'età pensionabile a 65 anni sia una necessità. Chiede una compensazione per le lacune contributive, ad esempio a causa della maternità, in modo che non spetti (solo) alle donne sostenere i costi. Il PVL ritiene che le cifre chiave della riforma dell'AVS presentate dal Consiglio federale siano corrette. L'adeguamento e la flessibilità dell'età pensionabile sono necessari alla luce dell'evoluzione demografica. L'indennizzo temporaneo per le donne direttamente colpite è giustificato. La compensazione non deve essere distribuita a pioggia, ma deve essere mirata e adattata alle esigenze. Il PLR è a favore dell'innalzamento dell'età pensionabile delle donne a 65 anni. La compensazione per le donne direttamente colpite non dovrebbe essere troppo elevata per non ridurre i risparmi realizzati, ragion per cui il PLR respinge la misura volta a migliorare la pensione AVS per le donne con redditi medio-bassi che lavorano fino a 65 anni. Il PBD sostiene la stessa età pensionabile per donne e uomini. Il cambiamento demografico svolge un ruolo centrale fintantoché l'età pensionabile è fissata in termini assoluti. Un'analisi obiettiva mostra che entro il 2050 l'età pensionabile sarebbe di circa 70 anni. Poiché argomentazioni politiche ed emotive prendono il sopravvento sui fattori economici, la questione dell'età pensionabile dovrebbe essere depoliticizzata. A tal fine, il PBD propone un sistema automatico che collegherebbe automaticamente la futura età di pensionamento all'aumento della speranza di vita.

Mantenimento dell'età pensionabile per le donne a 64 anni

Verdi

Fino a che la parità retributiva non sarà una realtà 

PS

Fino a che la parità retributiva non sarà una realtà

PPD

le lacune nei contributi dovute alla maternità dovranno essere compensate 

PVL

si puo’ ipotizzare una compensazione temporanea per le donne

PBD

l'età pensionabile dovrebbe essere collegata all'aspettativa di vita futura

PLR

con una compensazione parziale che non annulli gli effetti positivi dell'aumento

UDC

Per accedere alle nostre fonti, cliccare sulle posizioni dei partiti (es. sì / sì, ma.... / no, ma.... / no) .
In mancanza di fonti in lingua italiana, si rimanda a fonti in lingua francese o tedesca.

Facebook
Facebook
Instagram