​Assistenza all’infanzia complementare alla famiglia

Perché è così importante?

Per le famiglie:

L'onere finanziario gravante sulle famiglie per l'assistenza all'infanzia al di fuori della famiglia (es. asili nido, doposcuola etc.) è estremamente elevato in Svizzera rispetto agli altri Paesi OECD, mentre la partecipazione alla spesa da parte del settore pubblico è estremamente bassa. Inoltre, in molti cantoni e nell’imposizione d’imposta federale, il costo della custodia dei bambini si può dedurre solo parzialmente dal reddito imponibile. Nonostante gli accrediti per compiti assistenziali, il genitore che si occupa dei figli (nella maggior parte dei casi, la madre) è svantaggiato sia rispetto all'AVS, sia alla cassa pensioni.


Per i dipendenti:

Esistono differenze significative tra i Cantoni sia per quanto riguarda i servizi offerti che per quanto riguarda i costi degli asili nido e delle strutture scolastiche di accompagnamento. Molti genitori scelgono il loro luogo di residenza non sulla base di criteri professionali e del mercato del lavoro, ma in base alla disponibilità di posti accessibili per la custodia dei bambini. Anche l’orario di lavoro spesso non viene scelto in base alle preferenze personali o al mercato del lavoro, ma in relazione all'esistenza o all'assenza di asili nido o altre strutture di assistenza. Nel suo studio sul lavoro a tempo parziale in Svizzera nel 2017, l'Ufficio federale di statistica (UST) ha rilevato che il 26,5% (ossia più di 1/4) delle donne lavoratrici intervistate ha ridotto il proprio carico di lavoro solo a causa degli obblighi di custodia dei bambini, ma preferirebbe lavorare a tempo pieno .

 

​Per i datori di lavoro / l’economia:

A differenza delle grandi imprese, le PMI non possono permettersi di offrire soluzioni di custodia diurna per i figli dei dipendenti. Questo rappresenta per loro uno svantaggio competitivo nella situazione attuale, in quanto l’assenza totale o parziale delle donne dal mercato del lavoro si traduce in una carenza di preziose risorse umane e lavoratori qualificati.

Cosa è stato fatto finora?

Dal 1° febbraio 2003 è in vigore la legge federale sull'aiuto finanziario per la custodia di bambini complementare alla famiglia. Il programma di incentivi della Confederazione per la creazione di nuovi posti supplementari per la custodia dei bambini, reso possibile da questa legge, inizialmente era limitato a otto anni fino al 31 gennaio 2011, ma nel settembre 2018 è stato prorogato per la terza volta di quattro anni fino al 31 gennaio 2023. Un ulteriore prestito di 124,5 milioni di franchi svizzeri è stato approvato per quattro anni. Chiunque crei un asilo nido o una struttura supplementare scolastica (es. doposcuola) può, su richiesta e se le condizioni sono soddisfatte, beneficiare dei fondi del programma di incentivazione per un periodo da due a tre anni. 


Diritto fiscale: dal 2012 è possibile detrarre dal reddito imponibile dell'imposta federale diretta fino a CHF 10'000.- all'anno per famiglia in costi effettivi di custodia dei figli. Nel 2016 l'Amministrazione federale delle contribuzioni ha stimato che un aumento della detrazione massima a 24'000 franchi per bambino per la sola imposta federale diretta porterebbe a un aumento di circa 4'900 posti di lavoro a tempo pieno.  Se i Cantoni seguiranno l'esempio e aumenteranno le loro detrazioni massime, verranno creati ancora piu’ posti di lavoro Nella sessione estiva del 2019, il Consiglio nazionale e il Consiglio degli Stati hanno deciso di aumentare a 25'000 franchi per bambino la detrazione delle imposte federali per l’assistenza all'infanzia complementare alla famiglia .

Quali sono le posizioni dei partiti?

Tutti i partiti, ad eccezione dell'UDC, concordano sulla necessità di aumentare il numero di posti disponibili per la custodia dei bambini. Il PLR, tuttavia, al programma d’incentivi preferisce la riduzione degli ostacoli burocratici per l’apertura di una struttura di assistenza all'infanzia, in quanto ritiene complessa e burocratica la procedura per ottenere un finanziamento iniziale dal programma d’incentivi.
Parallelamente al programma d’incentivi, PDC, PPD, PVL, BPD, e PLR si schierano a favore di una maggiore detrazione dal reddito imponibile dei costi di assistenza all’infanzia dall’imposta federale diretta. PS e Verdi sono dell'opinione che solo le famiglie benestanti possono beneficiare di sgravi fiscali e propongono, in alternativa, buoni di assistenza all’infanzia per tutti, in modo che anche le famiglie a basso reddito possano trarne profitto. L'UDC vorrebbe vedere detrazioni fiscali per le famiglie che si occupano dei figli a casa, al fine di compensare la perdita di reddito del genitore che si prende cura dei figli.

Più strutture di assistenza familiare integrativa e meno oneri finanziari per le famiglie

Verdi

Incentivi e Sovvenzioni anziché detrazioni fiscali​

PS

Incentivi e buoni per l’assistenza all’infanzia anziché detrazioni fiscali 

PPD

Incentivi e detrazioni fiscali

PBD

Incentivi e detrazioni fiscali

PLR

Meno intralci burocratici anziché sovvenzioni e detrazioni fiscali

UDC

No incentivi e Detrazioni fiscali anche per le famiglie che si occupano dei propri bambini a casa

Per accedere alle nostre fonti, cliccare sulle posizioni dei partiti (es. sì / sì, ma.... / no, ma.... / no) .
In mancanza di fonti in lingua italiana, si rimanda a fonti in lingua francese o tedesca.

Facebook
Facebook
Instagram